San Giovanni Rotondo famoso al mondo per ospitare le spoglie di San Pio da Pietrelcina, frate cappuccino vissuto a lungo nella cittadina.

Offre scenari indimenticabili non solo agli occhi dei fedeli, ma anche di turisti amanti dell'arte e della natura, che apprezzano la semplicità di questi paesaggi che fanno da cornice al misticismo architettonico di Renzo Piano.

Immersa nel verde del Parco Nazionale del Gargano e poggiata sulle alture delle colline a ridosso del Monte Calvo, la città di San Giovanni è incastonata al centro di un bellissimo scenario naturale. Andando a ritroso nel tempo, per scoprire le origini di questo comune, risaliamo fino all'anno Mille.Fu fondata, sulle rovine di un preesistente villaggio del IV secolo A. C., di questo borgo restano dei segni visibili, come alcune tombe e un battistero circolare che anticamente era destinato al culto di Giano, in seguito consacrato a San Giovanni.

La città vive alterne vicende, fino a quando nel 1916 vi giunge l'allora giovanissimo Padre Pio. Egli dedicò la sua vita al servizio della Chiesa, promuovendo la nascita dei Gruppi di Preghiera, e la realizzazione di opere caritative, primo fra tutti l'Ospedale "Casa Sollievo della Sofferenza",dallo stesso Padre Pio definito "Tempio di Preghiera e di Scienza".
Inaugurato il 5 Maggio 1956, l'Ospadale è da un decennio, riconosciuto Istituto di Ricovero e Cura a carattere scientifico e dispone di oltre mille posti-letto. Il centro storico di San Giovanni, è una parte a sè stante della città, per chi è abituato a frequentarla per i luoghi sacri legati al culto di Padre Pio.